Un piccolo mistero della scienza.. perchè ci sia intelligenza!

01 Oct 2008 • 3 min read

riporto qui l’articolo originale di Paolo Attivissimo che sempre sia ringraziato e diffuso!

E’ il 15 agosto 1977. Il radiotelescopio Big Ear della Ohio State University sta ascoltando l’incessante fruscio dei segnali radio naturali che provengono dallo spazio, specificamente nella direzione della costellazione del Sagittario. L’astronomo Jerry R. Ehman sfoglia i tabulati prodotti dal radiotelescopio e a un certo punto segna con la biro rossa una serie di dati e vi aggiunge un grande“Wow!”.

Il suo stupore è più che giustificato. Il segnale ha tutte le caratteristiche tipiche di un segnale artificiale proveniente dallo spazio profondo.

Purtroppo il segnale “Wow” non si è mai più ripetuto. Sono stati fatti numerosi tentativi di riascolto, puntando verso la medesima posizione nel cielo anche i più recenti radiotelescopi, ma non è mai stato ricevuto altro. In quella posizione, inoltre, non ci sono corpi celesti significativi. Sono state escluse anche le fonti più improbabili, come pezzetti di satelliti che potevano riflettere un segnale di origine terrestre.

C’è chi ha obiettato che un segnale intenzionale si sarebbe ripetuto. Non si grida “Ehi, sono qui” una volta sola, no? Ma bisogna considerare che quando siamo stati noi a mandare nello spazio unradiosegnale per farci conoscere, tramite il radiotelescopio di Arecibo il 16 novembre 1974, lo abbiamo fatto una sola volta.

L’apposita voce della Wikipedia in lingua inglese ha una ricca bibliografia tecnica sul “segnale Wow”.

Questi sono i veri misteri della scienza. Ed è per questo che la ricerca scientifica va finanziata: perché sarebbe veramente vergognoso scoprire che là fuori ci stanno chiamando da una vita, e noi siamo troppo stupidi per rispondere al campanello.