Appello ai militanti del Partito Democratico: impedite che vi sfascino il partito!!!

14 Jun 2009 • 6 min read

condivido questo articolo di Jacopo Fo. PREMESSA: ammetto di conoscere brava gente dentro il PD.. ma li considero come i bravi preti e frati di cui spesso penso: “ma come fate a stare dentro una struttura così disumana e decaduta come quella della Chiesa Cattolica?” se non fosse che l’attuale “centro-sinistra” ha delle origini alquanto contradditorie (il famoso “accordo” col Berlusconi nel 1994, quando gli promisero che mai avrebbero toccato le sue televisioni e i suoi interessi… avrete visto il film Viva Zapatero.. se no guarda questo video):

D’Alema è colui che ha guidato la guerra in Jugoslavia, respinto gli immigrati albanesi.. Fassino l’avrete visto a Report nella puntata di Report del 2003 sul WTO (e da allora lo considero meno di … beh sempre più di Borghezio, Bossi, Alfano etc… mannaggia che brutti personaggi)…

(articolo tratto da http://www.jacopofo.com/appello-partito-democratico-dalema-berlusconi-sinistra-ecologia )

Cari amici, non sono del PD ma ho a cuore il destino del vostro partito. Dal rinnovamento del PD dipende gran parte di quel che succedera’ in Italia (vedi sotto).

Quindi mi sento in dovere di avvertirvi che e’ in atto un piano molto pericoloso.
E’ partita su Repubblica un’operazione mediatica che pare proprio una manovra concertata per appoggiare una nuova ascesa di D’Alema.
Sono usciti con grande risalto due articoli di seguito che non si riferiscono a nessuna notizia. Inventano essi stessi la notizia: si mormora che D’Alema potrebbe ricandidarsi alla presidenza del PD.
Una NON notizia che viene data con un risalto enorme.
Chiaro segno che gatta ci cova.
Il contenuto degli articoli e’ a mio parere spaventoso.
Mercoledi’ 10 giugno si anticipa che il leader piu’ triste del centro sinistra voglia spaccare il PD, ritornare a due partiti divisi, per agganciare Casini e rilanciare una grande alleanza contro Berlusconi.
Magari con D’Alema come segretario nazionale del partito rosso pallidissimo, quasi rosa.
Spaventoso!
Venerdi’ 12 si ripropone come una notizia da prima pagina la stessa sbobba. La notizia e’: ”Pd, l’offensiva di D’Alema ‘Io leader? extrema ratio’” con un’aggiunta: D’Alema “Da’ lo stop a Debora Serracchiani (contro la quale si scatenano molti big Popolari)”.
La Debora e’ quella fanciulla che ha incassato piu’ voti di Berlusconi in Friuli, dopo aver sbancato sul web con un suo discorso contro i leader del PD e mostrato uno stile nuovo scontrandosi con la Brambilla a Ballaro’.
La Debora e’ la speranza oggi per il PD. Veltroni l’ha capito e parla di rinnovamento della dirigenza del partito.
Evidentemente e’ in corso uno scontro durissimo. Uno scontro di culture: alcuni si dedicano all’alchimia delle formulette politiche invece di parlare dei problemi del Paese, di costruire una vera opposizione e un vero controllo di massa sulla legalita’ di politici e amministratori, riformare il Paese, liberarlo dal giogo della burocrazia.

La battaglia ovviamente non si risolvera’ nei retrobottega.
Tutto dipendera’ dalle persone che si sono recentemente impegnate nel PD sperando nel rinnovamento e nella possibilita’ di mettere al centro della costruzione di questa neonata forza politica la concretezza che parte dalle realta’ locali. In questo settore il PD puo’ vantare molte esperienze di grandissimo valore. Sono parecchi i comuni dove sindaci e assessori del PD stanno portando avanti grandi cambiamenti e iniziative rivoluzionarie sul piano ecologico, sociale e del coinvolgimento diretto dei cittadini (vedi ad esempio l’associazione dei Comuni Virtuosi http://www.comunivirtuosi.org/, su Peccioli vedi http://www2.ecquologia.it/cms/content/view/1043/27/ ,http://www2.ecquologia.it/cms/content/view/2395/28/,
http://www.jacopofo.com/dissociazione-molecolare-peccioli-ecologia-pirolisi-ambiente).

Come chiusa osservo che D’Alema si paragona, secondo Repubblica, all’omerico eroe Aiace Telamonio, valoroso assediante nella guerra di Troia. Figlio di Telamone, re di Salamina, Aiace e’ definito da Omero ‘baluardo degli achei’.
Ma evidentemente D’Alema non e’ proprio in forma. Paragonarsi a Aiace e’ una pessima auto profezia: infatti l’eroe finisce male: si infuria perche’ non gli vengono consegnate le armi del defunto Achille e decide di uccidere Agamennone, capo degli Achei. Ma la Dea Atena per impedirglielo lo fa uscire di senno e lui si suicida gettandosi sulla propria spada. Pessima idea.
Auguri caro signor D’Alema!

SPERIAMO IN UNA NUOVA GENERAZIONE DI LEADER ANCHE DENTRO REPUBBLICA!

Anche i quotidiani perdono le elezioni. E sicuramente Repubblica dovrebbe cospargersi il capo di cenere. Soffre degli stessi disturbi comportamentali dei leader del centro sinistra e ne determina in gran parte la linea politica visto il suo peso mediatico. D’Alema e’ quel che e’ grazie al pluriennale appoggio di Repubblica.
Repubblica preferisce tacere sui grandi scandali nazionali. E buttarsi nel gossip. Da settimane continua a ripetere le 10 domande a Berlusconi sulla papi-story. Pensate se avesse messo in questi anni lo stesso impegno nel denunciare i grandi scandali italiani: il Cip6, che rubo’ 60 mila miliardi di lire alle fonti rinnovabili per regalarli ai petrolieri, la diossina ad Acerra, che continua a essere quasi il doppio di quella a Seveso quando fu evacuata (e si continua a tacere!). Repubblica poteva avvisare gli italiani del dissesto Parmalat come fece Beppe Grillo. E poteva allertare gli italiani sull’imminente crollo finanziario USA. Aveva gli strumenti e le professionalita’ per scoprire quel che in tanti avevamo ormai capito.
Invece Repubblica non lo ha fatto. Sostenendo una linea politica gemella a quella dei DS e del PD: fallimentare. Ma mentre il PD prendeva legnate elettorali Repubblica non soffriva crolli di vendite. Quindi mentre il PD si interroga Repubblica si sente bella e vittoriosa. Miracoli del fatturato.
La direzione di Repubblica preferisce non sporcarsi le mani facendo il suo mestiere di rendere trasparente la vita politica ed economica nazionale, i retrobottega dei partiti sono piu’ affascinanti e danno l’ebbrezza di avere le mani in pasta nel potere…
Speriamo che decidano di smetterla con questa linea editoriale disastrifera.

NON SONO DEL PD MA VOGLIO UN PD FORTE. SONO PAZZO?

Io non sono del PD, non simpatizzo neppure. Ma credo che il PD possa essere una forza positiva per l’Italia. Sicuramente molte persone sensate hanno creduto che la nascita del PD fosse una grande possibilita’ per il riformismo italiano.
Si tratta di persone di valore che hanno veramente intenzione di dare vita a un nuovo modo di fare politica.

Io credo che il riformismo in Italia abbia una possibilita’ se sapra’ unire tutte le forze riformiste. Invece di dividersi sulle questioni di principio bisognerebbe unirsi sugli obiettivi concreti e urgenti che tutti potrebbero condividere.

Per questo ho a cuore la crescita del PD. Io vedo i progressisti come una squadra che ha un obiettivo comune al di la’ delle sfumature. Vogliamo cancellare l’era Berlusconi, vogliamo una giustizia che funziona e una burocrazia piu’ leggera ed efficiente. Vogliamo che finisca l’era degli sprechi e della corruzione.
Questo vuole il popolo dei progressisti. E per averlo ci serve un grande movimento di oppositori radicali capaci di vivere e di consumare in modo diverso ma ci serve anche un PD forte, un’IDV forte, un partito ecologista, un partito radicale e un partito comunista forti. E ci serve che questi partiti siano in mano a una nuova generazione di dirigenti esenti dalle malattie mentali dei vecchi apparati.

Jacopo Fo