Avatar

Stefano Cecere

Humanist Game Designer, Dad and Educator

Play Well, Die Happy!

Ciao e benvenuto nel mio sito personale, diario e archivio di tutto quello che faccio e penso. Condividere il meglio delle proprie scoperte e creazioni é un buon modo per costruire l’Intelligenza Collettiva di cui abbiamo disperatamente bisogno. Forse serve più a me che a te, ma se trovi qualcosa che ti migliora la giornata, sono contento. Puoi ri-condividerla: qui è tutto Open Source.

  • Edutainment e Game based Learning
  • Genitorialità e Formazione integrale
  • Intelligenza Artificiale e Realtà Aumentata
  • Sopravvivere al 2042 sviluppando l’Intelligenza Collettiva
  • Trascendenza e Rivoluzione Umanista Universale

Dal blog

Le Quattro Stagioni di Vivaldi

oggi li risveglio con la Primavera d Vivaldi, e già che ci siamo tiriamo lungo con le altre tre stagioni, dato che l’altro ieri nevicava, ieri eravamo in maglietta e oggi vento gelido. Riuscite ad immedesimarvi nella Venezia di inizio 1700? come si viveva? senza elettricità, gas, frigoriferi, computers, quotidiani. e questo sacerdote veneziano compose musiche che arrivarono ad influire su Bach, Mozart, Beethoven, Rossini sicuramente non potevano vedere il mondo come lo vediamo noi ora in questo video di Youtube.

Equilibrio a tendere

sasso! carta carta! forbice forbice! sasso sasso! sasso. carta! carta. forbice! forbice ma non si vince mai per davvero! esatto.. all’infinito c’è un equilibro.. sopratutto se usate tutti la stessa migliore strategia.. e quale è? scegliere veramente a caso. cosa difficilissima. perché è difficile? ora vi spiego… il gioco carta-sasso-forbice (ovvero la Morra Cinese, che salutiamo) prevede che per ogni mossa ci sia un’equilibrata possibilità di perdere, pareggiare o vincere.

Alcuni frequenti errori grammaticali

Ne voglio un po’ si scrive con l’apostrofo, pò non significa nulla e il fiume si scrive Po. Po’ è l’abbreviazione della parola “poco”, l’apostrofo in questo caso è una troncatura. Si scrive sono d’accordo, e non sono daccordo. “Qual è” non si apostrofa, rappresenta un troncamento e non un’elisione. Dopo ogni segno di punteggiatura si inserisce lo spazio. Dopo il punto va la lettera maiuscola. I puntini di sospensione sono TRE… “Su qui e su qua l’accento non va, su lì e su là l’accento ci va.

Hugo Pratt: la tempesta e i marinai

25 anni fa lavorai ad un Cd-rom su Hugo Pratt. e li conobbi questo genio. e quanto è vero: solo nei momenti più difficili si scoprono i veri marinai.

Contact