Ozio

26 May 2005 • 1 min read

Ozio   (dal lat. otium che presso i Romani era il tempo libero dalla politica e dagli affari, l’opposto del negotium, da dedicarsi alla cura dei campi o agli studi) Divagazione o impegno rilassato, in particolare in opere d’ingegno, che forma e sviluppa la personalità umana. Si tratta del tempo libero dalla produzione di beni materiali indispensabili alla sopravvivenza. Nell’ozio non si include il tempo usato per il lavoro, per i trasporti, per le cure personali, per le faccende domestiche e per il sonno. L’ozio comprende il tempo che si usa per soddisfare diversi interessi personali, quali il divertimento, lo sport, il gioco, l’arte, la comunicazione sociale, la lettura, il turismo, il fai-da-te e altri hobby.

Si distingue l’ozio attivo, quello in cui qualcuno svolge un’attività creativa che gli consente di sviluppare in modo multiforme le proprie capacità, dall’ozio passivo, legato al consumo di beni culturali creati da altri. Ma quest’ultima forma contribuisce anch’essa alla formazione della personalità e alla sua socializzazione. Tuttavia, con il sorgere dell’industria dell’ozio e con la cosiddetta “cultura di massa”, i valori culturali vengono sostituiti da diversi surrogati che disumanizzano la vita, deformano la personalità e sminuiscono il livello culturale della società.

Il Nuovo Umanesimo ritiene necessario aumentare il volume dell’ozio, colmando il tempo libero di attività creative, innalzando il livello culturale, il riposo e il divertimento. Il problema dell’umanizzazione dell’ozio e dell’elevazione del suo contenuto è uno dei compiti essenziali delle attuali generazioni.

(dal Dizionario del Nuovo Umanesimo – in Opere Complete 2 – Silo, consultabile anche online su www.clum.net )