un amico da Parigi mi scrive..

06 Nov 2005 • 2 min read

ho scritto ad alcuni amici di Parigi per chiedere come stanno e com’è la situazione… ecco cosa mi ha scritto uno di loro:

“Grazie per preoccuparti di noi.

Che io sappia nessuno del Movimento è stato direttamente toccato da questi eventi.

Quello che vediamo è quanto era stato annunciato (da Silo): il liberalismo è finito, il fascismo è rinato.

In ogni caso, sono molto interessato a sapere come ne parlano i media in Italia. ho sentito storie incredibili raccontate dai media in Russia.

Per quanto ci riguarda la situazione è molto preoccupante, ma non dentro Parigi.

Quello che sta succedendo è che il governo e la polizia stanno mettendo pressione sui giovani, sui poveri, sui “periferici”, sugli stranieri (specialmente se appartieni a tutte e 4 le categorie contemporaneamente). E l’altro giorno sono morti due giovani, e finalmente è riconosciuto che è successo dopo che la polizia li stava inseguendo. Così sono seguite reazioni violente e dimostrazioni. Ma la polizia ha iniziato ad essere aggressiva e provocatrice. Così questi eventi si sono protratti più a lungo. Dall’altro lato il potere e i media hanno iniziato a parlare di Islam, come al solito, ma la verità è che i musulmani stanno cercando di pacificare i più arrabbiati, a differenza della polizia.

Alcuni edifici e molte auto sono state incendiate, ma le aggressioni sulla gente vengono solo dal governo, non dalla gente.

Questo è quello che posso dire ora. Non ho visto nulla direttamente con i miei occhi, qui a Parigi, dove non sta succedendo ancora niente. Tutto accade in periferia.“

AGGIORNAMENTO: ecco un comunicato del Partito Umanista Francia riguardo a quanto sta succedendo