commenti dalla Val di Susa

13 Dec 2005 • 6 min read

l’amico Oscar del Movimento Umanista (in particolar modo del Partito Umanista) di Torino, manda i seguenti interessanti commenti:

Ciao a tutti… Volevo scrivere due righe su ciò che è successo in questi giorni sul fronte NO-TAV… Tanti (specie dalle altre città) mi hanno chiesto aggiornamenti e notizie… ciò che scriverò ovviamente è soggettivo e riguarda quello che ho visto e percepito personalmente.

Allora…. Cosa è successo nella notte fra lunedì e martedì già ne siete a conoscenza (blitz notturno della polizia che picchia persone inermi, violenze delle forze dell’ordine per tutto il giorno… blocchi di statali e autostrada per tutto il giorno con diverse migliaia di persone che in maniera nonviolenta contestano … ecc….); proseguono blocchi e proteste nonviolente in tutta la Valle anche il giorno dopo…. Ma passiamo a giovedì….

Anche giovedì 8 dicembre è stata una giornata campale…. dalle 8 del mattino sono cominciate ad arrivare persone in piazza d’Armi a Susa… Si è allestito il nostro furgone con striscioni e bandiere ed impianto musicale….. Noi umanisti eravamo parecchi….

Alle 10 (ora della partenza del corteo) le persone erano migliaia (le stime danno 50-70.000 persone)…. C’erano persone di vario tipo…. giovani… anziani… donne…bambini…. studenti… operai… pensionati….. dottori…..impiegati….contadini….. Un po’ di tutto! …. Insomma, il contrario di ciò che hanno successivamente dichiarato i media (dicevano che erano solo giovani provenienti dall’area antagonista)…… Il corteo si è svolto senza nessun problema fino al raggiungimento del bivio stradale di Venaus….

In quel punto la polizia (in tenuta antisommossa) ha stupidamente e con la forza impedito al corteo di procedere per il paese di Venaus…. C’è  tensione….. Vola qualche palla di neve e qualche oggetto sui poliziotti che ne approfittano subito per manganellare le prime persone che si trovano davanti e picchiando sul naso una donna (Nicoletta)….. La gente è giustamente indignata ed arrabbiata e urla l’indignazione….passa un po’ di tempo… la tensione scende…. fanno passare una delegazione di una settantina di persone…. sono fra quelli….. scendiamo verso il paese (e verso la zona del blitz notturno)….

Alcuni posti di blocco successivi della polizia ci impediscono di continuare…. ma le persone che erano state fermate al bivio sono riuscite a scendere passando da decine di sentieri di montagna o dai giardini privati delle case (i proprietari facevano passare nei propri cortili i manifestanti con solidarietà)…. invadendo la zona….

La polizia non sa più cosa fare… non riesce a contenere migliaia di persone che arrivano da tutte le parti….. Sono troppe….. si arrende….. arriviamo alla zona recintata di notte dalla polizia…. si aspetta di essere in molti….. arrivano ancora molte persone provenienti da strade e sentieri diversi…… ovunque ci sono persone…..e incominciano a togliere i recinti….. tutti entrano nei terreni contestati…. migliaia di persone….. un centinaio di poliziotti che presidiavano il luogo si ritirano…. le persone… i no-tav, riconquistano la zona!!!!

C’è felicità, gioia negli occhi delle persone…. tutti sono soddisfatti… dal ragazzino all’anziano alpino… Tutti con gli occhi pieni di gioia e una speranza nel cuore…. Arriva il camion del comune di Venaus che posiziona un prefabbricato di fronte a dove fino a martedì scorso c’era il presidio NO-TAV… spazzato via con le ruspe dalla polizia!!!! … Questo sarà il nuovo presidio di chi vuole la democrazia…..

Ovviamente i media non parlano della gioia delle persone, delle decine di migliaia di persone che pacificamente hanno invaso la Val Cenischia… no… parleranno di scontri… di anarchici e centri sociali (non sono sicuramente loro a recare problemi!) e di antagonisti… parleranno di poliziotti ricoverati (all’ospedale parlano di semplici contusioni nei poliziotti…. e invece di lesioni più gravi nei manifestanti colpiti dai manganelli)…. è assurdo che i media parlano solo di violenza quando 70.000 persone manifestano in una zona blindata….

Se fossero state realmente persone violente all’ospedale sarebbero finite centinaia di persone… Non 17….. La realtà è che ha manifestato un movimento maturo e non violento e i media hanno parlato di una decina di persone che hanno creato problemi, facendoli credere la maggioranza… e MAI si è parlato di violenza della polizia e di eventuali infiltrati lontani dal Movimento!

La realtà è che il movimento NO-TAV da realmente molto fastidio perché è un esempio di lotta determinata e nonviolenta al sistema… Questo da fastidio al governo di destra ma anche a questa cosiddetta sinistra (che sinistra non è!!!)… Se si incomincia a vincere certe lotte… Se si incomincia a dare speranze a chi vuole una democrazia e a chi crede in qualcosa di più profondo che l’economia di mercato… allora diventerebbe un problema…. la gente potrebbe decidere le proprie sorti….. il proprio futuro e quello dei figli…. e questo darebbe molto fastidio al Berlusconi o al Prodi di turno… darebbe fastidio anche ai sindacati confederali (che pensano ancore di riuscire a far credere ai propri iscritti di fare gli interessi dei lavoratori.. poveri illusi… un movimento come questo li spazzerebbe via….)….. E per questo motivo (oltre che i notevoli interessi economici dei pro-TAV) che i media da 15 anni boicottano le ragiono dei valsusini. Ma ora la valle si è stufata e sta reagendo nei migliori dei modi…. **Con determinazione e nonviolenza!

**

Sabato una delegazione di sindaci e presidenti della Comunità Montana sono invitati a Palazzo Chigi in un incontro con vari ministri, sindaco di Torino, pres. Regione Piemonte e provincia di Torino…. Da ciò che ci hanno raccontato dopo essere ritornati in valle, la mia impressione è si una solenne e pomposa “presa per il culo“…. Scusate il termine, ma rende l’idea meglio di altre parole. Il governo aveva preparato un documento con dei punti che ad un primo approccio davano l’idea di accogliere le richieste dei nostri amministratori… ma riflettendoci un poco sono la conseguenza di un piano per rinviare le decisioni a dopo le olimpiadi (per non rischiare di rovinarle, altrimenti Chiamparino ci rimane male) e per mettere i no-tav con le spalle al muro dopo che ci diranno che i nuovi studi di impatto ambientale danno l’opera per sicura (e facile taroccare i dati, l’hanno fatto tante volte)…. assolutamente non si è parlato di alternative al TAV o di mettere in discussione l’utilità dell’opera o la fattibilità dell’opera. In tutto questo contesto i sindaci ci sono rifiutati di firmare….

Quindi l’accordo non c’è stato (non come il Cavaliere ha detto e i media hanno riportato). Capisco che i sindaci valsusini non sono in una bella posizione…. ma spero continuino a portare la lotta anche nei palazzi romani rifiutandosi di firmare accordi impopolari e assurdi, che segnerebbero la fine (o la frattura) di una lotta che sta dando fiducia a migliaia di persone in tutta Italia….

In questo contesto noi del Partito Umanista abbiamo insistito perché si organizzasse il corteo sabato 17 dicembre… sarà una dimostrazione nonviolenta che faccia capire ai cari politici pro TAV che non ci facciamo gabbare da paventati accordi mai presi;

Quindi diamo a tutti quanti appuntamento a Porta Susa sabato 17 dicembre alle 14 per poi dirigerci alla kermesse al Parco della Pellerina dove probabilmente ci sarà Beppe Grillo, Dario Fo e altri personaggi contrari al TAV. **Determinati e non violenti porteremo a Torino le ragioni del NO-TAV.

** Saluti NO-TAV a tutti!!! ….. A sara dùra!!!

Oscar Peroglia

Partito Umanista – TORINO