Se non hai una vita ti impicci di quella degli altri…

14 Jul 2007 • 1 min read

Le Vite degli altri - locandina

Chi non ha ancora visto questo film è pregato di farlo e di meditarci sopra una paio di giorni.

Di cosa parla questo film? .. mah.. se non fosse per alcuni dettagli ambientali.. sembrerebbe parlare della nostra vita, qui e oggi: gente succobe o complice di un sistema disumano che vive con il controllo e la repressione. persone che non avendo un propria vita (sentimentale, culturale, sociale) vive cercando di carpire quella degli altri. politici approfittatori e prepotenti, che abusano della loro carica per esplodere la propria deficienza. persone sensibili che gettano la spugna, non vedendo più futuro. l’adattamento (ovviamente a 90 gradi, detto anche adattamento decrescente) a tutto questo pur di non soffrire.  persone che cercano di organizzarsi per cambiare tutto. l’amore per una vita semplice e la capacità di ognuno di riscattarsi e di compiere azioni valide.

Insomma davvero un bel film. molto più attuale di quanto sembri.. non crediate che sia qualcosa di passato  e di demolito con la caduta del muro di Berlino.

Oggi come non mai il non senso di questo mondo avanza, portando con sè la violenza, la depressione, il futile, l’ipocrisia.

QUANDO OGNI MATTINA MI SVEGLIO E MI CHIEDO “bene caro Stefano, ti ricordi qual’è il motivo della tua esistenza qui e oggi?”, prendo il mio caro bel corpicino, guardo il mio amato pianeta, penso ai miei sette miliardi di potenziali amici, penso alla mia esistenza… quindi ringrazio dentro e dò un bel bacio a tutto!

:*

Labbra carnose baciano brutto rospo