Stefano Cecere: C.V.

ANNI ‘90

Ho iniziato a lavorare come sviluppatore di videogiochi durante il Liceo Scientifico, nel 1989. Durante il triennio di Ingegneria Elettronica lavoravo come sviluppatore multimediale per la New Sounds Multimedia, creando dozzine di CDROM interattivi, i primi VR e i primi siti web. E’ vero: non ho terminato l’Università nonostante gli ottimi voti, ma avevo già assimilato i principi di Matematica e Fisica che mi servivano e sapevo già che il futuro non voleva pezzi di carta, ma spirito di ricerca e studio costante e passione per l’appliczione. Inoltre l’essere pioniere della musica digitale mi permise una carriera da musicista tastierista professionista, suonando in tour con artisti tipo gli 883, Antonella Ruggiero, Franco Battiato, Jovanotti e lavorando a diverse produzioni ed eventi musicali (San Remo, FestivalBar, televisioni, fino al clou con un’esibizione con il mio mito Jean Michel Jarre)

ANNI 2000

La mia esperienza con l’informatica creativa e i nuovi media mi portarono a lavorare come consulente tecnologico e di comunicazione per diverse aziende editoriali, da Mediaset a Microsoft, da Mediakey a Smemoranda). Intanto collaboravo con artisti e designers aiutandoli in workshops ed eventi multimediali. Ho poi iniziato a studiare Intelligenza Artificiale e Agenti (oggi i vari Assistenti Virtuali) e le Reti nei Sistemi Complessi, sviluppando soluzioni software per diversi clienti in ambito Real Estate e industriale (purtroppo sotto NDA)

ANNI 2010

La nascita del mio primo figlio e l’arrivo dell’iPad mi rifocalizzarono sullo sviluppo videogiochi, sopratutto educativi e filosofici, con attenzione alla Realtà Aumentata e Realtà Virtuale e alle questioni sociali.

Ho fondato l’Associazione JAMURR per promuovere l’Alfabetizzazione Digitale e l’uso didattico e creativo della tecnologia fin dall’infanzia.

Dal 2016 ho iniziato la collaborazione con Video Games Without Borders, per promuovere lo sviluppo di videogiochi ad impatto sociale, e con il nostro primo progetto Antura and the Letters (per alfabetizzare i bambini profughi siriani) abbiamo iniziato a vincere molti premi internazionali.

Ora sto studiando Scienze della Formazione, Psicologia e Scienze Cognitive, mentre insegno Intelligenza Artificiale e Tecnologie Digitali Umaniste.