Posts

Siamo in una situazione politica delicata. Come si fa un’analisi e sopratutto come decidere di proseguire? La cosa peggiore sarebbe 1) non decidere 2) decidere e poi pentirsi perché si è pensato male. Vediamo: cosa potrebbe succedere a seconda della mia scelta? la cosa migliore è iniziare intavolare gli scenari possibili. I diagrammi di stato e sopratutto di flusso possono venirci in aiuto. Guardiamo ad esempio cosa succederebbe se mercoledì nascesse un Governo M5S + PD, oppure no.

Non so voi, ma anelo molto alla ricerca dell’Intelligenza in tutte le sue forme e sopratutto alle soluzioni “win-win” dove tutti i giocatori almeno in parte vincono. Per questo inizio sempre tutte le mie lezioni e laboratori con un accenno al Diagramma della Stupidità, tratto da quel piccolo ma intenso capolavoro che è “Allegro ma Non Troppo” scritto nel 1988 dallo storico ed economista Carlo Cipolla. In pratica: stupido è non tanto chi lo stupido fa, ma chi con le proprie azioni arreca danno tanto agli altri quanto a sé stesso.

ecco un regalo per te grazie che bell.. ma è un foglio bianco? si! e non solo ne puoi fare quello che vuoi, ma ti lascio tutta la mattina libera per farlo posso disegnarci un labirinto certo o la lista dei giochi che mi piacerebbero così ti porti avanti per compleanno e Babbo Natale un origami? magari! lo posso far disegnare da Bruno? fare qualcosa insieme è eccellente e se lo lasciassi in bianco?

il telecomando dell’Homo Sapientissimus Contemporaneus

papà che fai? giochi? macchè.. sto spippolando con uno script per generare una grossa tabella 12 * 100 uhm? perchè disegnarla a mano è troppo faticoso per poterla stampare bene.. sai a cosa serve? no pensa: DODICI per CENTO 12 come i mesi? [suggerimento fuori campo] esatto il calendario dei prossimi 100 anni? non proprio.. dei PROPRI 100 anni (considerando una vita media di 80⁄90 ma presto arriverà 100 di media) e cosa ci fai?

a me non piacciono gli assiomi “sono tutti deficienti” con cui molti si distaccano dagli altri con giudizi al limite del disumano. ma se c’è una cosa che davvero dobbiamo tenere conto, è che non tutti abbiamo il cervello che funziona allo stesso modo. E mentre è facile vedere e quindi tenere conto dei problemi fisici negli altri, non tanto lo è per quelli mentali. il problema mondiale è che i problemi mentali sono in crescita.

cosa leggi? un nuovo libro sull’utopia. sai cos’è? qualcosa coi topi? eheh nooo Topos in greco significa “luogo”… e Utopia è un luogo, un mondo, che non cè, immaginario. ideale. come nei videogiochi! quasi … ma qui si parla di come vorremmo che evolvesse il nostro mondo reale, la nostra società. se potessimo avere la bacchetta magica come vorresti che vivessimo? ma il bello è pensare a dei modi realisti per arrivarci!

papà, cosa suoni? è il Nessun Dorma, di Puccini… mi sembra la musica migliore per questa giornata politicamente intensa… ti piace? uh. si. senti che potenza armonica con questa semplice melodia che scala e chiude con un Re potentissimo ahah il Re potentissimo… ma perché il Re si chiama Re? ahh grandissima domanda. anch’io ho studiato musica dalle elementari. ma solo dopo molti anni, benedetto il Latino al Liceo, scoprii il significato dei nomi latini delle sette note musicali DO, RE, MI, FA, SOL, LA, SI, DO partiamo dalla settimana nota, dal Settimo Cielo (perché le 7 note sono collegate con le sfere celesti… ma ne parleremo in altra occasione) dove ci sta DIO: il DOMINUS.

Quelli che non studiano la storia sono condannati a ripeterla.

E quelli che la studiano sono condannati a vedere come la storia si ripete per colpa di quelli che non la studiano.

se c’è qualcosa che ho capito, è che una persona brava e intelligente dovrebbe cercare di aiutare chi è meno bravo e meno intelligente. non stare invece ad insultarla dandogli dell’incapace e cialtrone, ancora peggio sfruttarlo. capisco che ci vuole molta pazienza e che sembra di vivere dentro Idiocracy. ma se perdo la pazienza e la fiducia nell’altro, rischio di diventare o un elitario o un fascista. è questo considerarmi “umanista” che mi colloca ben distante dagli “illuminati di sinistra” (che presumono la conoscenza del meglio e bene o male cercano di imporlo alle masse barbare e deficiente chi la pensa appena diversamente) e dai “socialisti di destra” (che ugualmente illuminati ma avversari di quelli di sinistra, ammaliano i poeracci come loro con una psicologia molto bassa o con la minaccia autorevole della forza)